Difaia e cunservazin dal bulgnai

Parch al bulgnaiṡ al vula in lt

Tutela e conservazione del bolognese


Al n brṡa vaira che la cunservazin d una lngua o d un dialtt (par fr prmma gin pr d un idima) la sppa sul int l man dal ppol ch’al drva cl idima e stivo. Prmma de ttt, a s avn da mtter d acrd e dezder se a vln che al bulgnaiṡ al vga avanti opr se, come tanti tri c bni d una vlta, anca l l va da finr int al panirn ed Cccoli sul parch i tnp i n canbi. A n as d av che biggna fr ttt quall ch’as pl par salvr al bulgnai dala mrt, sinchen Bulggna e ttt quant nuter a srn pi pver, prpri come s’i avssen tir ż la Trr di An o maz ttt i elefnt ch’ai in frica o ttti l baln. Pi avanti in ste st a mitrn di artccol par spieghr mi parch la difaia di idima pi cinn la sppa un saggn d modernit e ed zivilt. Pr ads supunn che ttt i viitatr dal St Bulgnai i ven cap quasst e ch’i s dmnden csa fr par salvr al nstr idima.

Non vero che la conservazione di una lingua o di un dialetto (per comodit diremo di un idioma) sia nelle sole mani della popolazione che parla quell’idioma. Anzitutto, bisogna che ci mettiano d’accordo e decidiamo se nostra intenzione che il bolognese prosegua il suo cammino oppure se, come tante altre cose buone dei tempi che furono, anche lui debba finire nel dimenticatoio soltanto perch i tempi sono cambiati. A noi sembra che occorra fare tutto il possibile per salvare il bolognese dalla morte, altrimenti Bologna e noi tutti saremo pi poveri, come se avessero abbattuto la Torre degli Asinelli o massacrato gli elefanti africani o le balene. In seguito troverete alcuni articoli che spiegano meglio perch la difesa di un idioma minore sia segno di modernit e di civilt. Per il momento supponiamo che tutti i visitatori del Sito bolognese abbiano capito il concetto e si chiedano cosa fare per la salvezza del nostro idioma.

Arspsta nmmr 1) Biṡggna che i pulttic, la Cmna, la Pruvnzia e la Regin, e anc al Stt itaglin, i capssen che al bulgnai l mal e che biggna fr qul sbbit ed lng.

Risposta numero 1) necessario che gli uomini politici, il Comune, la Provincia e la Regione, nonch lo Stato italiano, capiscano che il bolognese malato e che occorre agire immediatamente.

L vaira, per bisggna ch’i fghen qul anc i bulgnṡ, ch’i an snper card al pregiudzzi fasssta che itaglin = mudernit e dialtt = vcija e mancanza ed cultra. Qu naturalmnt a n starn bra a quistiunr sura l’inpurtanza dl itaglin, mo biggna capr che ormi al bulgnai int la nstra zit al s snt tante pc che al srv mi se qu ch’i al san i turnssen a druvrel ttti l vlt ch’i plen: pr enpi coi s fi se qussti i al san almnc pasivamnt, con i anvudn se qussti i inpren ble l itaglin dai genitr, e naturalmnt con s mar o s mujr, s fradl o s surla, i amg e, s’i capssen al bulgnai, anc col lardarl, al giurnalr, al spzil etectera. Con ste st a vln fr da capr che anc in bulgnai as pl avair una vtta culturl (and bn a vdder l pgin dla leteratra e dla mṡica), e che al vl la panna ed dscrr-rel.

Vero, per bisogna che si muovano anche i bolognesi, che hanno sempre creduto al pregiudizio fascista per cui italiano = modernit e dialetto = passatismo e mancanza di cultura. Naturalmente qui non si nega l’importanza dell’italiano, ma bisogna capire che ormai nella nostra citt il bolognese si sente talmente poco che sarebbe meglio che tutti coloro che lo conoscono tornassero ad usarlo ogni volta che ci possibile: ad esempio coi figli se questi lo sanno almeno passivamente, coi nipoti se questi imparano gi l’italiano dai genitori, e naturalmente col coniuge, il fratello, la sorella, gli amici e, se capiscono il bolognese, col salumiere, il giornalaio, il farmacista ecc. Questo sito vuole far capire che anche in bolognese si pu avere una vita culturale (date uno sguardo alle pagine della letteratura e della musica), e che vale la pena di parlarlo.

Se p a n al sav brṡa, a l prssi anc inparr. Fenalmnt ai di crs pr inparr al bulgnaiṡ, e ai una mccia ed cunzrt, lber, tramisin, parfn una rivssta, ch’la s cima Al Pnt dla Binnda. Qu ch’i al san i tgnarnn insgnrel a qu ch’i al vln inparr, e p purtr paznzia, parch ai ble st al ch di genitr o di nn ch’i an dtt ai pi żven dla s famajja ed lasr str ed dscrrer dialtt parch i fan panna. Mo naturalmnt i pi żvn i se bglien se vuter ch’a l sav a n i insgn bra! L’esperinza la f da vdder che anc stra i żven ai n ch’i en interes a inparr l idima lochl, bsta ch’i cten quelcdn ch’al fga la fadga d insgnriel. Acs ai vl di crs pr i żven ch’i vln inparr al bulgnai e di crs pr i vc’ ch’i vln inparr a insgnrel. Ala fn dla fra, al bulgnai l’ la lngua dal sndic Dozza, di partigin, ed Primo Zecchi e dal Cardinl Lanbartn, e s’al mr i valr e la stria ed Bulggna i sparirn anc pi in fria che ads.

Se poi non sapete il bolognese, potreste anche impararlo. Finalmente vi sono dei corsi per il suo apprendimento, nonch tantissimi concerti, libri, trasmissioni, persino una rivista, che si chiama Al Pnt dla Binnda. Chi lo sa dovrebbe insegnarlo a chi lo vuole imparare, e dovrebbe inoltre mostrarsi paziente, perch gi successo che alcuni genitori o nonni abbiano detto ai membri pi giovani della famiglia di lasciar perdere il dialetto perch lo parlano troppo male. Naturalmente i pi giovani si sbagliano se voi non glielo insegnate! L’esperienza mostra che anche tra i giovani ci sono persone interessate a imparare il bolognese, o a frequentare corsi per quegli adulti e anziani che vogliano imparare a insegnarlo. In ultima analisi, il bolognese la lingua del sindaco Dozza, dei partigiani, di Primo Zecchi e del Cardinale Lambertini, e se morir i valori e la storia di Bologna spariranno anche pi rapidamente di quanto non siano in declino al momento.

Arspsta nmmer 2) Biṡggna che ttti cli autorit ch’avn dtt prmma i dghen di gbbi par la salvazza dal bulgnai.

Risposta numero 2) Occorre che tutte le summenzionate autorit concedano finanziamenti per la salvezza del bolognese.

Prpri acs, e fn ads di ft a in avn vsst dimnndi pc. Una vlta ai ra la lażż regionl N 45 dal 7.11.1994, che per la n mi sarv a un bl gnnta: l' st finanzi sul d n e i bajc i n st d v in manra bn e spass clientelr, un qul ch'an s pl brṡa azetr.  P la lażż l' st dscanzl int al prinzppi dal 2014, e sul dpp che i inamur dal dialtt i an ft una gran tubna al Cunslli Regionl l dezṡ ed frn un'tra, la N 16 del 18 luglio 2014. A starn da vdder, pr ads biṡggna dr che ai 21 ed febrr dal 2006 al Cunslli Comunl ed Bulggna l apruv un urden dal d in favur dal dialtt bulgnaiṡ (artccol dal Carln), mo che anc quall l st un p al sfrz ed Magrn (ch'al strazva la chrta mjja coi dnt). L asolutamnt indispensbil finanzir dli ativit ch’l srven da bn a dr un p d respr al nster dialtt, pr enpi di crs come qu ch’avn ble dtt, di fumtt, di lber pr i cnno, e p quall ch’ai ble e ch’al vl: cuncrs ed leteratra, ativit culturl, teter, buratn, cunzrt ed mica bulgnaia, confernz, stdi, publicazin eteztera. Ai vl anc una cumisin ch’la fga dl parl nvi par tgnr al bulgnai in scudra coi tnp.

Proprio cos, e finora i risultati sono stati scarsi. Una volta c'era la legge regionale N 45 del 7.11.1994, che per non mai servita a niente: stata finanziata solo due anni e il denaro stato assegnato con metodi in gran parte clientelari e inaccettabili. Poi la legge stata abrogata all'inizio del 2014, e solo una levata di scudi degli appassionati del dialetto ha convinto il Consiglio Regionale ad approvarne un'altra, la N 16 del 18 luglio 2014. Staremo a vedere, intanto osserviamo che il 21 febbraio 2006 il Consiglio Comunale di Bologna ha approvato un ordine del giorno a favore del dialetto bolognese (leggi l’articolo del Resto del Carlino) che ha dato anch'esso scarsi risultati. assolutamente indispensabile finanziare attivit che servano sul serio a ridare fiato al nostro dialetto, ad esempio corsi come quelli gi detti, fumetti, libri per l’infanzia, nonch a finanziare ci che gi c’ e lo  merita: concorsi letterari, attivit culturali, teatro, burattini, concerti di musica in bolognese, conferenze, studi, pubblicazioni ecc. Ci vuole anche una commissione che conii parole nuove per tenere il bolognese al passo coi tempi.

Ai per un qul inpurtantssum da dr: biṡggna che i prugt finanzi i dghen da bn di riult, sinchen la Regin l’ da avair i gbbi indr pr li iniziatv dl n dpp. A n psn pi tolerr che di sld d par la difaia e valoriżazin di dialtt emiglin-rumagn i n pruden gnanc mż riult concrt con un’inzidnza sozil, parch dli ativit da purtr avanti ai n magra!

C’ per una cosa importantissima da notare: occorre che i progetti finanziati diano risultati veri, altrimenti la Regione dovr farsi restituire il denaro assegnato, da ristanziare per le iniziative dell’anno seguente. Non possiamo pi tollerare che dei fondi destinati alla tutela e valorizzazione dei dialetti emiliano-romagnoli non producano neppure l’ombra di un’incidenza sociale, perch di attivit da finanziare ce ne sono tantissime!

Insmma: la salvazza dal bulgnaiṡ l biggn ed ft cunvnt e sinzr sa dal lt che dal bs, con na cusinza pulttica sicra dl scumss e dli idi dimnndi cri s quall ch’as da fr. Bn e spass la żnt i crdden che la difaia dal bulgnai la sppa sul na quistin ed divartres con st’idima, mo n a pinsn che la difaia la s fga atravrs 1) l’azin pbblica 2) l’ativit ed ttt i d ed qu ch’i dscrren in bulgnai. Par fr capr sti d aspt a publicn qu d artccol, al prmm sura la situazin dal Pajai Bsc, al secnnd s la situazin dal plattdtsch dla Germgna setentrionl, ch’al msstra l’inpurtanza dl’azin dal bs quand as vl difnnder un idima.

Per riassumere, la salvezza del bolognese richiede azione convinta e sincera sia dall’alto che dal basso, con una sicura consapevolezza politica della posta in gioco e le idee molto chiare su come procedere. Spesso si crede che la tutela del bolognese si risolva in un prosieguo delle attivit ludiche attorno a questo idioma, ma a nostro parere la tutela si fa attraverso 1) l’azione delle pubbliche autorit 2) l’attivit quotidiana dei parlanti. Per illustrare questi due aspetti pubblichiamo due articoli, il primo sulla situazione del Paese Basco, dove le autorit credono davvero alla tutela e valorizzazione della lingua locale, e il secondo sulla situazione del plattdtsch della Germania settentrionale, che mostra l’importanza dell’azione dal basso per la difesa di un idioma.


EUSKARA

di Davyth Hicks

(Tradotto dalla versione inglese pubblicata in: Contact Bulletin, pubblicazione dell’Ufficio europeo per le lingue meno diffuse, maggio 1999).

    Davyth Hicks assistente di conferenza al dipartimento di Studi celtici dell’Universit di Edimburgo e responsabile di campagna in seno alla Societ per la lingua cornica. Conduce ricerche sullo sviluppo e la promozione delle lingue celtiche. Ecco il suo punto di vista sullo sviluppo della lingua basca:
    Nuove cifre fornite dalla Comunit autonoma basca rivelano che i corsi col basco come lingua d’insegnamento sono molto richiesti e fanno presagire, se la tendenza sar confermata, la sparizione dell’insegnamento in lingua spagnola. In una regione della parte autonoma del Paese Basco, Gipuzkoa, il modello educativo che fa uso dello spagnolo come lingua d’insegnamento, denominato "modello A", sta per essere abbandonato, poich solo tre persone lo hanno richiesto. Si spera che questa evoluzione si tradurr in un aumento del numero dei parlanti. Quest’ultimo passato dal 20 al 25% della popolazione dal 1979, data in cui fu ottenuto un certo grado di autonomia. Ci stato reso possibile unicamente dalla volont politica e dagli investimenti del governo basco.
    Fra il 20% di coloro che parlavano basco nel 1979, pochi erano in grado di leggerlo o scriverlo. Solamente il 5% degli insegnanti elementari parlava la lingua. Una delle prime iniziative del nuovo governo fu quella di adottare una dettagliata legge di programmazione linguistica che passava in rassegna le misure da adottare al fine di restaurare la lingua nazionale. Per attuare tali misure, fu istituito un Consiglio della lingua, assistito da un cospicuo segretariato.
    Si organizzarono programmi intensivi di immersione linguistica (1 500 ore), per consentire agli insegnanti di acquisire una certa famigliarit con la lingua. Alla fine del 1987, un totale di 8 000 insegnanti era stato messo in permesso per motivi di studio, mantenendo il pieno stipendio, in modo che potesse partecipare a una formazione anche prolungata. In questo modo, nello stesso anno gi il 28% degli alunni delle scuole elementari frequentavano le lezioni nella lingua materna. Erano 90 000 gli adulti che seguivano corsi, impartiti da 1 500 insegnanti professionisti in pi di 500 centri. Nel 1989, il costo della formazione aveva superato i dieci milioni di sterline. Questo lavoro stato sostenuto dalla pubblicazione di quasi 200 manuali all’anno, e di centinaia di cassette audio e video. L’Universit federale, che conta 42 000 studenti, propone il 25% delle proprie attivit di formazione in basco. Centinaia di opere di livello universitario sono state pubblicate a tale scopo. Facendosi carico dei costi enormi comportati da questo processo, il governo basco ha mostrato la propria determinazione di ridare linfa alla lingua dopo gli anni di rigida repressione subita sotto il regime franchista.
    Va considerato il fatto che i baschi hanno a che fare con due Stati, dal momento che la loro regione settentrionale sotto amministrazione francese. Dal momento che la Francia prosegue la propria politica di genocidio linguistico, in tale regione il basco resta una lingua minacciata. I dati relativi al Paese Basco meridionale mostrano dunque fino a che punto possa essere efficace una politica linguistica coerente e dinamica.
    Per raggiungere questi risultati, il governo basco ha nominato un vice-ministro per la politica linguistica, appartenente al ministero della Cultura. Tale figura ha il compito di coordinare e monitorare la politica linguistica a favore del basco, e si occupa della definizione e dell’ampliamento dei criteri linguistici obbligatori per l’amministrazione pubblica basca.
    Lo scorso anno stato istituito un comitato direttivo comprendente i tre dipartimenti del governo basco da cui dipendono gli organi di pianificazione linguistica di cui sopra, i tre consigli provinciali e i consigli municipali delle tre citt basche pi importanti, allo scopo di analizzare e ottimizzare le risorse finanziarie e umane dedicate alla normalizzazione linguistica. Anche se i risultati definitivi dello studio intrapreso dal comitato non sono ancora disponibili, va segnalato che gli importi finanziari stanziati da tutti gli enti che compongono il comitato sono un po’ al di sopra degli 80,5 milioni di euro all’anno.
    Attraverso opportune ricerche si cercato di individuare i principali indicatori della situazione sociolinguistica del paese, nonch i punti forti e deboli del processo di normalizzazione linguistica.
    Negli ultimi anni gli sforzi si sono concentrati sulla standardizzazione e modernizzazione del basco, la creazione di un sistema educativo bilingue, l’introduzione del basco nei mezzi di comunicazione, nell’amministrazione e nelle societ private, e infine sulla stesura di un quadro completo della situazione sociolinguistica del paese.
    nel settore dell’istruzione che le cifre si fanno significative. Nel 1976 solo il 4,7% degli insegnanti elementari sapeva parlare il basco. Nel 1996 la percentuale era salita al 67%, con l’ingresso sul mercato del lavoro di chi aveva ricevuto la propria formazione in ambiente basco durante gli anni ’80. Anche i dati relativi all’istruzione degli adulti sono sbalorditivi. Le apposite scuole, chiamate "Euskaltegiak", nel 1995-96 contavano 12 963 000 ore di lezione, 44 855 allievi, 2 039 insegnanti e 160 scuole. Bisogna aggiungere un aumento nei mezzi di comunicazione e un crescente uso della lingua nella pubblica amministrazione. Il basco andr ancora pi avanti, dal momento che attira un numero crescente di giovani.
    Questi dati mostrano che l’uso sociale e familiare del basco in aumento, in particolare per i giovani. Ad esempio, la conoscenza del basco segna un declino dal 65% di coloro che hanno pi di 65 anni al 33% della popolazione compresa fra i 25 e i 34 anni, per risollevarsi al 38% fra i giovani dai 16 ai 24 anni. Si tratta della fascia d’et educata negli anni ’80, dopo l’adozione dello statuto d’autonomia.
    L’incoraggiamento a trasmettere il basco in famiglia una delle scommesse principali che si posto il governo basco per gli anni a venire. Fra gli altri obiettivi citiamo l’intensificazione dell’insegnamento del basco agli adulti per aumentare il numero dei nuovi parlanti, il miglioramento delle competenze di coloro che hanno imparato il basco attraverso il sistema scolastico, la progressiva creazione delle condizioni necessarie all’adeguamento degli enti pubblici e privati alle esigenze delle nuove generazioni, la definizione di un criterio linguistico nelle politiche di sovvenzione e nella concessione di appalti da parte delle istituzioni, la rivalutazione degli stanziamenti, non solo economici, ma anche in termini di risorse umane, per garantire un futuro a certi progetti d’importanza strategica.
    Dopo gli anni del declino sotto il regime fascista di Franco, il numero dei locutori aumenta e i nuovi bascofoni sono giovani. La lingua sempre usata nella vita sociale e familiare, il che determinante. Forte del sostegno di un governo e di un sistema educativo progressisti, disposto a studiare e investire nei settori prioritari, il basco ha davanti un futuro favorevole.


S’a vl lżer la stria d un bn prugt ft in Itglia clich qu:
Per leggere la storia di un buon progetto fatto in Italia, cliccate qui:
Ocitn - Occitano

Il parlante autocosciente “garantito”. L’esempio tedesco
di Giovanni Nadiani

(da: IBC, Informazioni commenti inchieste sui beni culturali, anno 4 numero 4, luglio-settembre 1996, periodico dell’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna)

Secondo cifre circolanti a Bruxelles, dei 350 milioni di cittadini dell’Unione Europea, circa 50 milioni parlano una lingua diversa da quella dello stato di appartenenza. Nell’UE vi sono pi di 40 lingue ben radicate nell’uso quotidiano di cui, per, soltanto undici sono riconosciute come ufficiali. Ad esclusione del Portogallo(1) non esiste uno stato membro che non abbia minoranze linguistiche all’interno del suo territorio. L’UE potrebbe essere, dunque, tranquillamente definita oltre che una comunit di stati, una grande comunit di popoli, culturalmente complessa e variegata.
Se da un lato la stragrande maggioranza delle persone residenti nelle aree linguistiche minoritarie degli stati membri dell’UE pu considerarsi senz’altro bilingue, e quindi in grado di comunicare nella lingua maggioritaria dando nel contempo un contributo particolare alla rispettiva cultura maggioritaria, per converso i parlanti una lingua minoritaria raramente possono far valere nella vita pubblica gli stessi diritti linguistici spettanti ai parlanti la lingua maggioritaria di quel determinato stato, con tutti gli svantaggi del caso.
Ma che cosa si intende per “lingua minoritaria” ovvero “regionale”, ovvero “meno diffusa” secondo l’importante (per tutta una serie di provvedimenti e relativi impegni finanziari) terminologia comunitaria? Se difficile cogliere con una precisa e univoca definizione i molteplici e sfumati aspetti di tale problematica, si possono comunque distinguere alcuni grandi gruppi di lingue minoritarie: a) lingue nazionali non impiegate come lingue di lavoro dell’UE: irlandese e lussemburghese; b) comunit linguistiche ristrette senza stato proprio presenti in uno stato membro: bretone, gallese, friulano ecc.; c) comunit linguistiche ristrette senza stato proprio presenti in due stati membri: basco, catalano, occitanico ecc.; d) lingue di gruppi etnici minoritari in uno stato, maggioritari in un altro: tedesco (I, B), francese (I), danese (D) ecc.
Pur variando da paese a paese il grado di riconoscimento, lo status, l’uso e la promozione delle diverse lingue minoritarie, una caratteristica comune a tutte , tuttavia, il limitato impiego nella vita pubblica. Fondamentale per la salvaguardia di queste lingue e dei diritti dei relativi parlanti , comunque, il fatto che l’UE ne abbia riconosciuto ufficialmente il valore e la dignit con specifiche risoluzioni votate dal Parlamento Europeo, con il varo di un intergruppo parlamentare delegato a tale problematica e con la stretta collaborazione con il Bureau europeo per le lingue meno diffuse. Dal 1992 esiste, inoltre, la convenzione per la Carta delle Lingue Regionali e Minoritarie del Consiglio d’Europa, vincolante dal punto di vista giuridico per gli stati membri che l’abbiano ratificata.
Questo lungo preambolo per dire che cosa? Che anche nell’Europa delle regioni e dei popoli si sta linguisticamente delineando un’Europa a diverse velocit: quella delle cosiddette “grandi lingue di cultura” (si senta tutta la prosopopea nazionalistica di una simile definizione!); quella delle lingue meno diffuse “garantite”; quella, infine, delle lingue “precarie”, “bastarde”, figlie misconosciute, dei dialetti insomma.
Astutamente (e giustamente, ben sapendo cos’ in palio) i funzionari dei singoli paesi addetti alle “lingue regionali e minoritarie” riferendosi ai loro codici si guardano bene dall’usare anche solo minimamente il termine “dialetto”, quasi fosse sinonimo di “appestato”, bench in molti casi e sotto diversi aspetti sia quasi impossibile non considerarli tali. Ma spesso dietro un semplice gioco di definizioni si rivela ben altro: la forte autocoscienza dei parlanti una data lingua, un dato dialetto.
Non so se l’Italia abbia ratificato o no la Carta del 1992(2), certo dalle nostre parti non si sono avute molte notizie circa la volont popolare – e quindi politica – dei romagnoli, degli emiliani o di altri parlanti dialetti della penisola per far ancorare le loro parlate nella Carta in qualit di “lingue regionali” garantendo loro un nuovo status giuridico e, dunque, forse un futuro “parlato”. Non mi giunta voce che qualche parlamentare romagnolo abbia alzato la propria usando il suo dialetto in parlamento per sensibilizzare questo sulla richiesta dei romagnoli a far parte della Carta.
A tanto sono giunti, invece, nel Bundestag tedesco i deputati dei Lnder del Nord della Germania dove si parlano i dialetti basso-tedeschi (plattdeutsch) parenti stretti dell’olandese pi che del tedesco vero e proprio. E ormai certo che il plattdeutsch (bench sia solo un’espressione per definire un insieme di dialetti consimili, in assenza di una koin, con una “vita pubblica” che ricorda da vicino quella dei nostri dialetti) verr accolto nella Carta europea con tutti i benefici finanziari che ne conseguiranno e che potranno contribuire a ridefinirne anche lo status d’uso.
Ma un risultato del genere non si improvvisa, esso il frutto di una forte pressione popolare che dal basso ha investito, in senso piramidale, gradino per gradino, le istituzioni fino ai vertici dei parlamenti dei Lnder principalmente coinvolti (Bassa Sassonia, Schleswig-Holstein, Meclemburgo, Amburgo, Brema) e, successivamente, di quello federale.
Un’operazione del genere non sarebbe comunque stata pensabile senza la forte e ramificata “infrastruttura culturale” costituita da una miriade di associazioni private e di enti pubblici gi operante da tempo sul territorio e resa in gran parte possibile dal “vizio” tutto nordico di riunirsi in gruppi operativi (e eventualmente di pressione) legalmente riconosciuti (come le associazioni sportive o culturali) o spontanei (le iniziative civiche), ma soprattutto dal sistema federale tedesco.
a quest’ultimo che si deve la macroregionalizzazione radiotelevisiva postbellica di matrice pubblica, ancora ben solida nonostante l’invadenza della superficiale emittenza commerciale: come diretta conseguenza di ci il parlante basso-tedesco pu assistere mensilmente a un talk show dialettale di due ore nella fascia di maggior ascolto televisivo; ascoltare settimanalmente per un’ora un radio-dramma (da sempre considerato un genere letterario importante nei paesi nordeuropei); due volte alla settimana sintonizzarsi sul notiziario dialettale; stare a sentire quotidianamente la parola dei pastori luterani nonch una rubrica di costume ad opera di scrittori basso-tedeschi.
A tutto ci si devono aggiungere diverse altre trasmissioni settimanali in o sul dialetto a cura delle redazioni regionali minori. In Germania anche l’istruzione di competenza dei Lnder; ci ha facilitato la creazione a livello universitario di numerose cattedre di filologia germanica specializzate in dialettologia o letteratura basso-tedesche con conseguente ricaduta sull’istruzione secondaria, sia nella formazione dei docenti di tedesco, nella produzione di materiale didattico o nell’attivit curricolare, sia, infine, nell’offerta di corso “dialettali” all’interno delle diffusissime universit popolari.
All’impegno finanziario delle regioni-stato unitamente a quello di fondazione e enti privati si deve anche l’ormai trentennale e importantissima attivit di ricerca e di archiviazione dell’Institut fr niederdeutsche Sprache (Istituto per la lingua basso-tedesca) con sede a Brema, vero punto di raccordo documentario e scientifico per tutta la realt basso-tedesca.
Restando ancora in ambito istituzionale bisogner citare almeno l’impegno finanziario delle citt-stato di Amburgo e Brema a favore dei rispettivi teatri dialettali professionali, le cui produzioni non di rado vendono riprese dalla televisione pubblica. Date queste premesse, ricordare che opere letterarie di qualit, ambiziosi progetti di ricerca folklorica, produzioni musicali e cinematografiche vengono sovvenzionate pubblicamente (tra l’altro per il tramite di proventi di varie lotterie regionali) suona quasi come una banalit.
In una fase economicamente critica per il mondo culturale tedesco dove imperversa il massimo risparmio, a causa dell’immane costo dovuto alla “ricostruzione” della parte orientale del paese susseguente all’unificazione (tutto , comunque, relativo: in Germania, ad es., sono tuttora operanti pi di cento orchestre sinfoniche, pi di Italia, Francia e Inghilterra insieme), la continuit nell’impegno morale e soprattutto finanziario degli enti pubblici verso le attivit dialettali soggetta a un serrato controllo da parte delle associazione dei parlanti, siano esse le tantissime compagnie teatrali amatoriali; la rivista filologico-letteraria “Quickborn” con le sue migliaia di abbonati; la societ organizzatrice della “Bevensen-Tagung”, l’annuale convegno di tutti gli specialisti plattdeutsch giunto alla sua 49 edizione; la “Frudenthal-Gesellschaft”, societ impegnata annualmente nella gestione di un importante convegno nazionale sulla cultura e letteratura regionali e nell’attribuzione dell’omonimo premio letterario riccamente dotato; tute realt, accanto a moltissime altre, in grado, alla bisogna, di mobilitare i rispettivi soci e simpatizzanti, in soldoni: una buona fetta di elettorato!
A rafforzare l’autocoscienza linguistica dei parlanti il basso-tedesco ha contribuito nell’ultimo ventennio anche un fenomeno che non ha paragoni in Europa: l’impegno a tappeto dei tanti pastori e pastore protestanti del movimento “Plattdtsch in de Kark” (Il basso-tedesco in chiesa), sia sotto l’aspetto della ricerca storica e teologica – tutto esclusivamente scritto in dialetto – sia sotto l’aspetto pratico delle funzioni religiose. Del resto a suo tempo Lutero, padre del tedesco ufficiale e propugnatore di una evangelizzazione a misura di parlante, per portare a successo la riforma nelle regioni settentrionali dovette far tradurre la sua Bibbia in basso-tedesco dall’allievo Bugenhagen. Insomma, volendo il parlante basso-tedesco pu oggi di nuovo pregare in dialetto (per qualsiasi credente italiano un tab).
Alcune delle esperienze citate finora si potrebbero estendere anche ad altre aree dialettali tedesche, soprattutto meridionali. Non un caso, infatti, che proprio in Austria oltre vent’anni fa scrittori e poeti dialettali provenienti dalle diverse regioni tedesche abbiano dato vita all’IDI (l’Istituto internazionale per i dialetti e le lingue regionali, attualmente ha sede a Innsbruck e raccoglie membri di molti paesi europei), allo scopo di impegnarsi direttamente nella promozione di una forte coscienza linguistica dialettale rispettosa della diversit e desiderosa di arricchirsi nell’alterit, in questo differenziandosi notevolmente dai nostri pur grandi (o grandissimi) poeti dialettali, da sempre frenati nel loro engagement dal sentirsi figli della “lingua di ieri”.
In assenza di questa coscienza degli ancora-parlanti, privi di lobbies istituzionali (si pensi solo al ridicolo trattamento economico riservato in sede regionale alla legge per la promozione dei dialetti), saranno dunque le parlate emiliano-romagnole destinate a un irreversibile e precipitoso patoisement (l’abbandono progressivo di una data lingua, perch considerata poco prestigiosa e utile, a favore di un’altra)?
Molte cose lo lasciano presupporre, tanto pi che certe assurde rivendicazioni localistiche da “sciovinismo del benessere” stanno minando alla radice il grande lavoro intellettuale di tanti, singole personalit o gruppi organizzati, che, in tempi di globalizzazione incombente, aveva contribuito a creare un clima favorevole alla dialettalit, provocando come reazione un duplice, assurdo ostracismo: da una parte in senso passatisticamente nazionalistico; dall’altra illuministicamente snobbante.
E per difendere l’identit italiana (che molti fanno coincidere con il fantomatico italiano medio da tutti parlato) si rivanga, mutuandolo, il vecchio preconcetto gi sfruttato contro il bilinguismo: una lingua, un’identit, una persona: una lingua, un’identit, una nazione. Ma come ogni bi- o plurilingue senza crisi di identit pu confermare (quasi il 70% della popolazione mondiale e, secondo l’ultimo sondaggio Doxa, il 62% di quella italiana), l’identit, anche di una nazione, cosa ben pi complessa e misteriosa per restringerla all’uso esclusivo e limitante di una sola lingua.

Nt dal St Bulgnai - Note del Sito Bolognese
(1)
Par la preziṡin: int al 1999 al Portogl l arcgnus al mirandai come lngua minoritria. Al mirandai l al dialtt asturin-leonai d una zitadna ciam Miranda do Douro int al Nord dal pajai. L asturin-leonai in Spgna l cunsidr una lngua, mo al n bra la puizin ufizil dal cataln, dal bsc e dal galizin. L nnic stt dl’Eurpa snza minornz teritoril l’ l’Ilanda - Per la precisione, nel 1999 il Portogallo ha riconosciuto il mirandese come lingua minoritaria. Si tratta del dialetto asturiano-leonese di una cittadina chiamata Miranda do Douro, nel Nord del paese. L’asturiano-leonese in Spagna considerato una lingua, ma non gode della posizione ufficiale del catalano, del basco e del galego. L’unico Stato d’Europa senza minoranze territoriali l’Islanda.
(2)
A l savn p nuter: anc s’l un scndel e s’l’ quṡi l’ltma, l’Itglia l’ anc da ratifichr la Chrta - Lo sappiamo noi: anche se scandaloso e se ormai quasi isolata, l’Italia non ha ancora ratificato la Carta.


Al bulgnaiṡ as pl anc inparr da grand o da żven, mo intinimd al n bra vaira che, par chi an l inpra bra da pinn, ormi an i pi gnnt da fr. Bsta dr un’uc ai Crs ed bulgnai urganiż ultmamnt dal St Bulgnai in colaborazin col Teter di Alemn e col Club Il Diapason, opr lżer ste pzuln dl archittt Franco Bergonzoni, autur dal lber d urbansstica bulgnaia “Venti secoli di citt” e restauradur dla Gariannda - Il bolognese si pu anche imparare da adulti o da giovani, ma comunque non vero che, per chi non lo apprende da bambino, non ci sia pi niente da fare. Basta dare un’occhiata ai Corsi di bolognese organizzati ultimamente dal Sito Bolognese in collaborazione col Teatro Alemanni e col Club Il Diapason, oppure leggere questo pezzetto dell’architetto Franco Bergonzoni, autore del libro di urbanistica bolognese “Venti secoli di citt” e restauratore della Garisenda.

Dialetto

In casa mia si parlava abitualmente in dialetto, come allora in quasi tutte le famiglie di modesta condizione. Io, per, ne ero tassativamente escluso, perch solo cos avrei potuto imparare una corretta lingua italiana, senza incappare in quegli strafalcioni che conseguivano inevitabilmente dall’italianizzazione estemporanea del dialetto, pratica assai diffusa in quel tempo. 
Anche nella scuola elementare, ovviamente, si parlava solo italiano. E d’altra parte il dialetto bolognese non avrebbe potuto avere cittadinanza in una classe la cui maestra veniva dal profondo sud, dalla Calabria se ben ricordo.
Addirittura, perfino le commedie del teatro dei burattini che tradizionalmente si rappresentavano per carnevale nella palestra della scuola venivano tradotte dal dialetto in italiano quand’erano commedie del repertorio popolare, anche se poi ne risultava un ibrido penoso con Fagiolino e Sganapino (1) costretti ad acrobazie linguistiche per poter mantenere un minimo almeno della loro comicit originaria. Andava meglio, tutto sommato, quando il burattinaio ripiegava su qualche polpettone a fondo storico o letterario, come ....l’Orlando furioso o i Promessi sposi.
Quel che non si voleva far entrar dalla porta entrava per dalla finestra, e la finestra, per me, non fu una soltanto. 
Si diceva dei burattini. A scuola parlavano in italiano, ma in piazza Trento e Trieste, per mia buona sorte, la compagnia di Rizzoli li faceva invece campioni d’eloquio dialettale, e io ne assorbivo tutto il sapore quando, le sere d’estate, s’andava tutti a prendere un po’ di fresco sotto gli alberi di quella piazza. Naturalmente fuori dal recinto delle sedie dei burattinai per limitare le spese della famiglia a due soldi soltanto, lasciati cadere nel cappello che a met spettacolo faceva un giro fra il pubblico non pagante. 
Muto, ma non sordo, ero ovviamente in famiglia, dove nonne, genitori e amici in visita mi trasmettevano, pur senza volerlo, la sapidit e la ricchezza di terminologie e di modi di dire talvolta inarrivabili nella loro icasticit intraducibile in quella lingua italiana che, peraltro, coscienziosamente andavo imparando a scuola. 
In buona sostanza, a poco a poco crebbi bilingue. E il vertice l’attinsi, a partire dagli undici anni, frequentando quella che potrei definire senz’ombra di dubbio l’universit del dialetto bolognese: le stradette a margine della via San Vitale dove viveva il ceto pi popolare del quartiere, uso al dialetto e a quello soltanto, nel quale contavo quasi tutti i miei amici. 
Un bel giorno mia madre dovette rendersi conto che non poteva continuare oltre nella finzione di un’ignoranza del dialetto che sempre pi s’evidenziava ormai del tutto inutile. 
Anche se d’estrazione popolare era una donna decisamente fuor dal comune, mia madre, e ancora una volta lo dimostr convertendosi a mia insegnante di dialetto bolognese -parlato e scritto- con l’ausilio dei sacri testi della sua bibliotechina personale: l sgner Pirein e I sunett dla sgnera Cattareina (2).
Ho fatto tesoro, di quella scuola. E son convinto d’onorar nel modo giusto la memoria di mia madre ogni volta che mi capita di buttar gi alla buona un sonetto o una zirudla in dialetto bolognese, mia seconda lingua madre.

(1) Faṡuln il popolano scaltro e, all’occorrenza, manesco; Ṡganapn la sua “spalla”, brioso e alquanto ingenuo.
(2) “I sonetti della signora Caterina” e “Il signor Pierino”, rispettivamente di Alfredo Testoni e Antonio Fiacchi.


Ala prmma pgina
V s