mos Lli - Amos Lelli


mos Lli, chro amg dal St Bulgnai e cunpunnt dla Bla dal Bulgnai, al s n and al d di 2 ed nuvmmber dal 2019, a qui 86 n. In sti ltum vnt n l in d ed ttt i ti pr al nster dialtt, e nuter a l ringrazin tant. mos l st un amg indimenticbil e, par frl arcurdr a ttt i bulgn, anc a qu ch'i n an bra av la furtṅna ed cgnssrel personalmnt, a mitn qu stta socunt pinsr, dedich a l da nuter dla Bla - Amos Lelli, caro amico del Sito Bolognese e membro della Compagnia del Bolognese, ci ha lasciato il 2 novembre 2019, a quasi 86 anni. In questi ultimi 20 anni ha svolto un gran numero di attivit per il nostro dialetto, e noi gliene siamo profondamente riconoscenti. Amos stato un amico indimenticabile e, per ricordarlo a tutti i bolognesi, anche a quelli che non hanno avuto la fortuna di conoscerlo personalmente, pubblichiamo qui di seguito alcuni pensieri a lui dedicati dai suoi amici della Compagnia.

- Ezio Scagliarini (nel dialetto di Decima): Par mos Lli

Quand t incŏnter na bla parsŏuna
la t d sĕnper un qul par regl,
m a cat dal bulgnĕiṡ una clŏuna
cŏn un cr trasparĕnt cme cristl.

A l cat sŏuvrun gran dizionri
col s nmm l stanp: mos Lli.
come autŏur d un preziŏuṡ bl rimri,
l a zarchva l m rmm, cal pi bli.

Quand pi trd a l sint  numinr
a inpar chi al ciamven Strulgŏn
par la drma chl avva a strulghr
pr un problma la s soluziŏn.

A inpar chl ra un mg dal rizĕirc
dal dialĕtt pi genun e ardup
cal dialĕtt chl um piṡ tant e cha zĕirc
d unurr da povta inbalz.

L al stanva e al catva dal canti
e dal fl in bulgnĕiṡ tgn d act,
larduṡ fl e canti acs tanti
da inpinr un bavll grand da mt.

 

Un bavll pn dal prd pi preziŏuṡi,
e chali an pr al dalĕtt pi valŏur,
e ali n l cme nustrn stufilŏuṡi
col prufmm dal rag, col s amŏur.

A g piaṡva ed cantr e a g piaṡva
la balta di amg pi che l r
a g piaṡva ṡburdlr es l avva
la s bla Bulŏggna ind al cr.

M cuntĕnt ed strichrig la man
a m sid d banda a l in trator
l un trat cme sa fssen paiṡn
anzi mi, cme sa fssen frad.

L a n g pi, e un amg avĕn prs
n dla Bla, al dialĕtt n men rr,
mo sl and ind un quc st dl univrs
l d sicr l chal prva d strulghr

gni mż, gni md e manra
par avĕir la cuntĕnta dal Sgnŏur
par la Bla ed tgnr s la bandra
dal bulgnĕiṡ chl ra al s grand amŏur.

mos st cus a t gĕn? A t vlĕn bĕn!
e cum st fss qu cŏn n a ciacarr,
un bichr in t unŏur a bvarĕn
parchĕ algher n a t vlĕn arcurdr.

 

- Stefano Rovinetti Brazzi (nel dialetto di San Gabriele di Baricella)

D mos Lli a vr cuntr ad cla vlte che dal 2012 a sŏn and al cunvnt dal Liv parch dṡ n prmme, dal 2002, ai re mrt una sre chla stve l e m a la cgnusve, e i gvan masse pr al s aniversri. A vg dntr in cṡe e a vadd mos chl um salte e l um dmnde csa i fve l m parch l an cardve brṡe chnca m a cgnusss la sre (la s fve ciamr la Madalaṅne nc sal s nmm ind al scol, cum as dṡ, l re Luciana Mortari. M a i dgg chavve lavur con l al Vc Tstamnt in grc e mos l um arspŏnnd che l invzi al la sintve snpr al telfon parch, qund ai gn fre i conpiter e l la n re bra bne ad druvri, al la ciamve snpar par fras spieghr cum lavve da fr con Word, al prugrme par scrvar, parch i editr i vlvan i lbr acs, in Word, e l lavve da publichr qul, mo sbbit, la n psve brṡe str dasptr; e mos, pazint, al i gve incse, nc si ran dr a magnr e s mujr la i gve ad gnr a tvle. I ran ft acs, l al la tanpinve e l al i arspundve, al i gve ttt quall chal savve e al savve una mcce ad qu; e i ran bn e generṡ ttt d.

- Federico Galloni

mos l ra n che quand al vdva al bulgnaiṡ angari da un quelcdn pc prtic, an ra brṡa bn ed str ztt al s fva innz par dr un cunslli, una corezin, una man, anc si ren żnt che l an cgnusva brṡa. Dl vlt i i dven mnt, dl vlt i s n in freghven, dl vlt ai arivva anc di numz, mo l an s mi tir indr sai ra da dr una man a scrver puldn in bulgnaiṡ, snza vlair gnanc un grzie. E quasst m a l pruv quand l st al m msster int i prmm lavursn ft in bulgnaiṡ. Una vlta am capit ed vdder che un scritur famuṡ l avva mss int un rumnż apanna vgn fra socuanti frṡ in bulgnaiṡ, scrtti un p acs acs. Alura, vsst che m a l cgnusva, anc sa n ra brṡa prpi in cunfidnza, am f cunsir da mos e dai amg dla Bla chi m gnn ed pruvr a driel, per con ssta, chan s l avss brṡa par ml. E alura a i scriv una e-mail (una maila a gven stra d n par ṡburdlr), con ttt al ghrb cha f bn ed mttri. E difti al scritur am ringrazi e dala secnnda edizin l frṡ in bulgnaiṡ l fnn mssi ż cum v. Quand a f vdder a mos cum lra and a finr la fazannda, al m arspuṡ acs : Cunfrnt ala t maila, chro Fedrg, la vaṡelnna l una psta abrasva. Quasst l ra mos Lli, e tant ter de pi.

- Daniele Vitali - Arcrd dal m amg mos

Al prmm cuntt ch'ai av sg l st quṡi vnt n f quand, int la psta eletrnica nva nuvnta dal St Bulgnaiṡ, gni tant ai spuntva una litrṅna ch'la dmandva: "Cum la che l ai scrtt acs e m invzi a dgg acs?". Alura a f con Gign: "Mo chi l mos Lli?", e l: "L un brv ragz, e ai n vrv de pi ch'i fssen cunpgna l".

La prmma vlta ch'a l incuntr l st al Curs ed Bulgnaiṡ ch'avven urganiż con Bertn, ldo, Fusto, Gign e cl ter sugt indimenticbil ed Sandrn Sarmng. L'ra la prmma edizin dal 2002 e, sicmm ch'ai ra turn a Bulggna par socunt d, and ai Alemn a vdder. Am vgn ataiṡ un sgnuri con un bl surṡ, ch'l um g: "Ado Dagnl, m a sn mos Lli, quall ch'at rnp snpr i suni col su dmand". M a n al savva brṡa, mo quall al f al prinzppi d una bla amizzzia: mos l ra nd dal 1933 es al dscurva un gran bl bulgnaiṡ, in pi l avva ft l inżgnr infurmtic e acs l avva una gran duga a s-ciapinr col conpiter, e p ai piaṡva tant al dialtt ch'al s ra studi ttti l rgol e al s ra mss sbbit a scrver int l'urtugraf che nuter avven prupst con al Vocabolri e al St. Sicmm ch'l avva anc l c' bn, l ra par quall che l l um scrivva quand m a fva di ṡbli, mo snper ala s manra pṅna ed ghrb, dignd: "Cum la che l ai scrtt acs e m invzi a dgg acs?".

Naturalmnt, l st sbbit di nster, dvintnd al "Strulgn eletrnic" dla Bla dal Bulgnaiṡ: l st l ch'l ft i carter par scrver in bulgnaiṡ al conpiter con ttt i s puntn e i s baln es l strapril l urden alfabtic dal Vocabolri fagnd al Rimri, p con la s cgnusnza dal dialtt l guid di grpp ed conversazin pr al trz livl dal Curs, l scrtt un lber ed fl con Bertn, n ed pruvrbi con Gign e con m, es l av anc un sculr, dand una man a Fedrg ch'l avva da tradṡer ttt un gran rumnż in bulgnaiṡ. As capss che, in vnt n d amizzzia, a n avn brṡa sul lavur: a m arcrd ed cla vlta ch'al s invid ttt a magnr ala Tż dal Cro Steltis, in dvv che l al cantva es l urganiż un archvi grandssum dl canti popolr, e p a n ps gnanc cuntr ttti l vlt ch'a s sn cat in tant al Pnt dla Binnda o ala tratur dl Autotrno par fr fsta a un bl pit ed tajadl e par ṡburdlr insmm.

E p ai i arcrd personl, dl vlt ch'a sn and a catrl in c da l par fr i nster lavurr, acs ai anc cgnus la s famajja es ai vsst una spzie ed dssc ch'al girva par c da par l tirnd v la pllver: ads cl incunżggn che l al s cta da una mccia ed famai, mo m al prmm a l vsst dal m chr Strulgn eletrnic. Una vlta insmm a Gign l anc vgn a catrum a Bruxelles par preṡentr al Vocabolri e al Rimri, e avn ft di gran gr ttt tr par la capitl dl'Eurpa.

Par finr, biṡggna dr che mos l ra brv a fres vlair bn: quand al s n adva ch'l ra un pz ch'a n avven pi ft una bla ciacar, al tirva s al telfon e pp am ciamva, acs, pr al piaṡair ed snter un amg luntn. L'ltma vlta ch'avn dscurs insmm l' st in prinzppi d utbber, quand i m an dtt ch'l ra al ṡbdl mo ch'l avva chr ed snter i s amg anc da l. Cla vlta a sn st m a telefonri e, quand a i dmand cum al stva, l arspuṡ: "Brṡa bn, per an inprta, dm piotst ed t". Dal prmm al ltum cuntt, mos t st snper quall, algher, spirituṡ e pn ed ghrb: "Cum la che l ai scrtt acs e m invzi a dgg acs?".


mos Lli dnanz al Palz dal R nzo int al dṡmmber dal 2006

mos Lli l nd a Bulggna ai 15 ed nuvmmber 1933 e l bias fn d'in prinzppi al dialtt bulgnaiṡ in c dai nn dala prt ed s pder, cuntadn dal prt dla Cruṡ dal Bic, e anc in c dai nn dala prt ed s mder, ch'i stven int l Lm; anc i s i i dscurven in bulgnaiṡ. L dvint inżgnr di conpiter e l dirt al znter d infurmazin e documentazin d un'ażiannda di telfon. Da una vtta al f prt dal Cro Stelutis ed Bulggna, in dvv in pi ed cantr l lavur cme un mt a una rizairca sura la canzn popolr dla nstra regin e l strulgh la sculatta pr archivir e lavurr i tst e l melud dal canzn ch'li n st mssi insmm. L d apg' infurmtic al St Bulgnai pr i carter da scrver in bulgnaiṡ col conpiter (e l st l a fr i carter "Bulgnais" pr al PC). L d una man anc a Fusto Carpn, ch'al l ciam al strulgn eletrnic. L ft da consulnt pr al Dizionri bulgnai ed Gign Lvra e Dagnl Vitli. Dal 2008 al s mss a trader in bulgnaiṡ la frṡ dal d dla Lgos, in pst ed Bertn Sra ch'l ft al perod 2001-2007 - Amos Lelli, nato a Bologna il 15 novembre 1933, ha respirato il dialetto bolognese in casa dei nonni paterni, contadini del prete della Croce del Biacco e dei nonni materni, popolani di via delle Lame; anche i suoi genitori gli parlavano in bolognese. ingegnere dei calcolatori e ha diretto il CED di unazienda dei telefoni. Ha sempre fatto parte del Coro Stelutis di Bologna con il quale oltre a cantare ha svolto unintensa attivit di ricerca del canto popolare nella nostra regione realizzando un metodo di archiviazione e di elaborazione dei testi e delle melodie dei canti ritrovati. Ha fornito supporto informatico al Sito Bolognese riguardo ai caratteri per scrivere in bolognese col computer (producendo la serie dei font "Bulgnais" per il PC). Ha dato un mano anche a Fausto Carpani, guadagnandosi lappellativo di strulgn eletrnic (cio "mago dell'elettronica", insomma "consulente informatico"). Ha fatto da consulente per il Dizionario bolognese di Luigi Lepri e Daniele Vitali. Dal 2008 diventato traduttore della frase del giorno della Logos, succedendo a Roberto Serra che si occupato del periodo 2001-2007.

Amos Lelli su Youtube
 Traduzin in bulgnaiṡ d una canzn ed John Lennon - Traduzione bolognese di una canzone di John Lennon
Una rizairca d mos sura i cuntt stra la mṡica bulgnaiṡa e qualla ed fra v. A ps ascultr sta rizairca clicnd qu, invzi stta a ps lżer la s spiegazin - Una ricerca di Amos sui contatti fra la musica bolognese e quella d'Oltralpe. Potete ascoltare la ricerca cliccando qui! Qui sotto potete invece leggere la relativa spiegazione.

La tradizione musicale (Musi) e burattinesca bolognese ha attinto alle esperienze musicali degli altri paesi. Qualche esempio.

Il Boccaccio, di Franz Von Supp, disco a 33 giri/minuto: 1C  157-30 216/17 Q - EMI-ELECTROLA

Nella facciata A, dopo circa 20 minuti, c' un brano con l'aria, conosciutissima (come le parole del ritornello che comincia anche in tedesco con: "la canzon firulirul firulirulera...") di un "modulo" usato da cantastorie e burattinai. I brani cantati su quell'aria erano (e sono) chiamati "strofette del Boccaccio". Come esempio del mondo dei burattini, Riccardo Pazzaglia e il padre Ermanno hanno registrato per me un paio di strofette riportate, parzialmente, nel file sonoro.

Nella facciata B, dopo circa 40 minuti, c' un brano del baritono Hermann Prey con la stessa musica della canzone di Carlo Musi "La m prmma mrua". Di entrambi i pezzi riporto un breve assaggio (la prima strofa della canzone di Musi viene dal CD allegato al volume "CARLO MUSI" Studio Costa Ed.). Da notare che nelle varie edizioni delle 67 canzoni di Carlo Musi, nella pagina di copertina del canto numero 45 ("La m prmma mrua") si trova "Parole e Musica di Carlo Musi", mentre in testa allo spartito musicale si vede (in alcune edizioni) "Musica di F. Supp".

Aggiunta 2010: Anche queste strofe vanno cantate secondo la stessa melodia:

Se ci fosse davvero una tassa
Sopra i nasi della nostra razza
Del suo naso il buon Sganapino
Pagherebbe un bel milioncino. (1934) Rit.

Rit. La canzon piruliruln pirulirulera
La canzon piruliruln pirulirulera
La canzon piruliruln che son qua pirulirul
E lamato sposer.

Sganapino a desinar fu invitato
E rifiutar dovette dun fiato
Perch non dicessero se era matto
A metter sempre il naso nel piatto. (1935) Rit.

Sganapino col suo naso a rampino
Laltra sera and a bere un grappino
Ma il grappino era cos schietto
Che mand Sganapin sotto il letto. (1937) Rit.

Fin da piccolo il bel Sganapino
Impar a sonare il violino
E per la strada, coi trilli suoi vari
Prende in testa dei grandi orinari. (1935) Rit.


E sicmm ch'avn dtt che mos al f dl rizairc sura la mica popolr emiglina, a mitn qu socunt ligm: clichi in vatta e a pr lżer i tst e ascultr al cro ch'al i canta! - E dal momento che abbiamo detto che Amos svolge delle ricerche sulla musica popolare emiliana, mettiamo qui alcuni link: basta cliccarci sopra per leggere i testi e ascoltare la versione cantata dal coro!

Al Cribiribi
Bla bn biondina
Filastrocca
I signori a la cariola
Il barabano
Il gargiolaio
La bicicletta
La canapa
La Cionfa
Mamma mia vorrei vorrei
Ninna nanna di Medicina
Ninna nanna ferrarese
O viln
Piccolo corale popolare
Santssum Cruzifss
Sia lod


Annzi ft da mos in żnr dal 2013 - Annuncio di Amos del gennaio 2013: Il Coro Stelutis di Bologna ha un discreto patrimonio (oltre 4000 canti) custodito nellarchivio www.corostelutis.org. Si tratta di canti popolari raccolti (registrati) nella montagna e nella pianura bolognesi fin dagli anni 70. La maggioranza di essi in lingua italiana, ma circa il 20% in dialetto o in dialetto e italiano. Registrandosi nel sito www.corostelutis.org si potr accedere allarchivio, dove, tra laltro, disponibile un manuale per la visita dettagliata a tutti i canti. Provate, e chiss mai che non vi imbattiate in qualche canto che appartiene ai vostri ricordi.


Ala Prmma pgina
Ala pgina dla mṡica
V s