Stven Ruvintt Brz - Stefano Rovinetti Brazzi


Stven Ruvintt Brz

Stven Ruvintt Brz l insaggna al latn e al grc int al lico Galvni ed Bulggna, e pr al dpp-meżd l urganiż un curs ed dialtt bulgnaiṡ pr i s studnt. L scrtt d lber, Venerazione per un verso d'anatra e La lngue di nżal, con dl poeṡ int al s dialtt ed San Gabaril ed Bariṡla, e in cal dialtt che l l tradtt Saffo. L anc l autur di cuvln ch'a cat qu stta.

Stefano Rovinetti Brazzi insegna latino e greco al liceo Galvani di Bologna, e al pomeriggio anima un corso di dialetto bolognese per i suoi studenti. Autore dei due libri di poesie "Venerazione per un verso d'anatra" e "La lingua degli angeli", scritti nel suo dialetto di San Gabriele di Baricella, nello stesso dialetto ha tradotto Saffo. anche autore dei testi che trovate qua sotto.

 


Sura a una traduzin vgn fra da pc (avrll 2019)

L ter d ai tach a lżer un lber chʼl st publich da pc. L la traduzin d un racnt in franzaiṡ, Le Petit Prince, chʼl st scrtt da Antoine de Saint-Exupry int al 1943 e chʼl piaṡ sbbit dimnndi, tant da ser tradtt in dimnndi lngv e dialtt ed ttt al mnnd.

Dal Prnzip Cinn (acs al tradutur, Gabriele Stanzani, l ciam in bulgnaiṡ Le Petit Prince) ai ra ble int al nster dialtt unʼtra traduzin dal 2003, Al Prnzip Fangn a cra ed Bertn d Sra (Roberto Serra), e acs ai pins ed cunparr l du traduzin par vdder se lʼltma la fss mi mi dla prmma, cum a pinsva chʼlʼavss da ser dpp a tanta fadga che una mccia ed żnt i an ft par tgnr s al dialtt bulgnaiṡ e par mustrr chʼl la s dignit anc par fr dla leteratra lta.

A dgg sbbit che Al Prnzip Cinn l st una gran deluṡin, con tant ed chi err chʼai pins ed partr da l, brṡa par curżri ttt, parch quasst al srvv st inpusbbil, mo par fren vdder socunt e dr cum as da fr quand n al vl druvr puld al nster dialtt.

Al prmm pnt l chʼa n psn brṡa inventr l parl snza prmma contrulr puld se quall chʼa vln dr as pl dr in bulgnaiṡ stit snza fr una cpia dl itaglin. A n dgg brṡa acs parch a sn un purssta: che ttti l lngv (e i dialtt i n dl lngv) i ven snper tlt inprst parl e espresin dali tri lngv ttt i al san, per coi dialtt biṡggna andri con dl'ssta e dmandres parch i n in tant ads a druvr int al nster dialtt dl parl chʼ i n n brṡa al su. Arspnnder purtrp l fzil: parch al dialtt l dr chʼal mr, l prs la s dignit e in dimnndi i n d avṡ chʼa dscrrer e a scrver in dialtt as psa fr ttt quall chas vl, tant l al dialtt e al dialtt l l par lasres fr di gran stranbcʼ. M a n sn brṡa d acrd e a pns piotst chʼas va da tgnr da cnt l parl bulgnaiṡi stiti e che quand quassti i n s cȃten brṡa avmen da dr quall chʼa pinsn prmma d nna con dli espresin nvi a partr dal bulgnaiṡ stit; sul dpp, sʼan s pl brṡa fren da manc, pr eṡnpi sʼavn da dscrrer ed sinza o ed gramtica, in duv al bulgnaiṡ as snper prefer prmma al latn, p l itaglin e li tri lngv mudrni, a psn crer dl parl nvi o druvr di prstit.

Di err acs ai n socunt infn dal prmmi pgin dal Prnzip Cinn. A in dgg sul d: mastichr invzi ed biasr e cs invzi ed qu.

Qussti i n di err, parch l parl i n st tlti inprst dal itaglin e druv al pst ed qualli pi stiti in dialtt bulgnaiṡ. Zrt l vaira che in bulgnaiṡ di prstit ai n snper st e a m arcrd quand m nn, chʼl ra nd int al 1889, al gva al puliṡmn (ingl. policeman) e al tranvȃi (ingl. tramway). Alura per ttt i dscurven in dialtt, l parl, li espresin e i prstit i ren dezṡ, sʼas pl dr acs, da ttt, e insmm al puliṡmn e al tranvȃi, chʼi vṅnen dal inglaiṡ, ai ra anc la mȃchina da fg, chʼlʼandva col vapur, o la mȃchina da bȃter: in dialtt ai nasva da par s ttti l parl ch'ai vlva par dscrrer di qu e di argumnt nv. Ads i studiṡ e i scritr i an la responsabilit ed tgnr s al dialtt bulgnaiṡ, ed dlżer puld l parl gissti e stiti e ed curr anc la gramȃtica.

E anc di err ed gramȃtica ai n dimnndi int Al Prnzip Cinn.

A in far vdder sul pc, per prmma ai da dr che ttti l lngv i an la s gramȃtica chʼlʼ l md, col su rgol chʼi cnbien secnnd l lngv, par mttr insmm li articolazin dla vuṡ e furmr l prt dl parl, l parl intri e l frṡ. Anc al bulgnaiṡ l la s gramȃtica, chʼlʼ difarnta da qualla dl itaglin e chʼavn da rispetr. An s brṡa da pinsr che nna (qualla dl itaglin) la sppa gissta e clʼtra (qualla dal bulgnaiṡ) la sppa ṡbagli: quand as adrva l itaglin as v secnnd la gramtica dl itaglin, quand a se dscrr o a se scrv int al nster dialtt as druvar la gramtica dal bulgnaiṡ. Al valur dla gramtica l relatv da una lngua a clʼtra, mo cla gramtica spezffica lʼ al fundamnt dla lngva chʼa sn dr a druvr e quasst l vaira anc pr i dialtt.

Int Al Prnzip Cinn as drva nna, chl un nmmer (it. una, una sola), invzi dl artccol che anc in bulgnaiṡ l una; ma l adruv invzi ed mo int al sns dl itaglin ma; ai scrtt i n la fan pi (a l mtt cum l scrtt) invzi ed i n i la fan pi (qu la cunpuṡizin dla frṡ la n brṡa st cap puld); as cta stmnter stva par magnr (anc quasst a l fg da vdder cum i l an scrtt) invzi ed in (st)mnter chʼal stva par magnr (qu ai manca al sugt al e ai st ft dla confuṡin con la congiunzin mentre dl itaglin, chʼla n s pl brṡa druvr con un che, chʼal i vl invzi in bulgnaiṡ).

Int Al Prnzip Cinn ai cpita p spass che i vrb dla prmma cognugazin in -r i sppen scrtt al inparft con una e lnga e asr (: stva, tentva) cum i dṡn in canpgna i ariṡ, brṡa con una e lnga e avrta () cum as dṡ invzi in zit (stva, tintva). An i gnnta ed ml a druvr i dialtt di ariṡ, a sn un ariuṡ anca m e scrver int al m dialtt dla bsa am piṡ (e as dirvv am piṡ) dimnndi, mo sʼas dezd ed scrver int al dialtt dla zit, cum am pr chʼas vjja fr int Al Prnzip Cinn, biṡggna andr ed lng con quall infn ala fn.

Ai p la questin dlʼurtugraf, una parla chʼla vn dal grc e chʼla vl dr scrver puld; e pr al bulgnaiṡ scrver puld al vl dr fr capr a qu chʼi lżen la prunnzia dal dialtt e l rgol par lighr insmm l parl int la frṡ. Acs an v bṡa bn scrver, cum avn vsst prmma, i n la fan pi par tr mutv: a) col s sgnn dal zircunfls as drva pr una i lnga chʼla s pl catr sul sʼai csca in vatta l aznt, mo quasst al n brṡa al s chṡ parch i qu al vl dr ci, l un prunmm snza l aznt e in vatta an i v incin sgnn; b) in pi ai st druv un aznt sbagli parch la , con l aznt dal lt in bs, lʼ una vochl lnga e avrta; l invzi ai v una o crta e sr chʼa scrivn con l aznt dal bs in lt (); c) la n lʼ la prmma prt dla negazin che in bulgnaiṡ lʼ d elemnt, cme in franzaiṡ, (la secnnda prt dla negazin in ste chṡ lʼ pi) e lʼ da ser scrtta dspcca, parch as capssa che n e i i n d qu difarnt: lʼurtugraf la s d dli indicazin anc s la gramtica e la morfolog.

L quasst al mutv par scrver in d md difarnt anc chi (in it. chi?) e chʼi (che e i). Qu al cunsi l ed studir puld lʼurtugraf che Luigi Lepri (Gign Lvra) e Daniele Vitali i an adruv int al s Dizionri Bulgnaiṡ-Itaglin Itaglin-Bulgnaiṡ: lʼ un'urtugraf mudrna, pins pr al nster dialtt, par la s fonolog e par la s gramȃtica.

La dignit d una lngva la dipnnd anc da una manra ed scrver azet e arcgnus da ttt.

 

 

Su una recente traduzione (aprile 2019)

L'altro giorno ho iniziato a leggere un libro pubblicato da poco: la traduzione in bolognese di un racconto in lingua francese, Le Petit Prince (Il Piccolo Principe), scritto da Antoine de Saint-Exupry nel 1943 e accolto subito con grande favore, tanto da essere tradotto in molte lingue e in molti dialetti d tutto il mondo.

De Al Prnzip Cinn (cos suona in bolognese Le Petit Prince secondo la traduzione di Gabriele Stanzani) esisteva gi un'altra traduzione nel nostro dialetto, Al Prnzip Fangn, curata nel 2003 da Roberto Serra; ho pensato, dunque, di confrontare le due traduzioni per vedere se mai l'ultima fosse migliore della prima, come pensavo che dovesse essere dopo tanti sforzi profusi da molti cultori del dialetto per promuoverlo e dimostrare che possiede una sua dignit anche a un livello letterario elevato.

Dico subito che Al Prnzip Cinn si rivelato una delusione, infarcito com di tanti errori che ho pensato di partire da l non per correggerli tutti, cosa che sarebbe stata impossibile, ma per discuterne alcuni e dire come bisogna procedere quando si vuole usare bene il nostro dialetto.

Il primo punto da sottolineare che non possiamo inventare le parole senza avere prima controllato se i nostri concetti possano essere espressi nello schietto dialetto bolognese senza scimmiottare l'italiano. Non affermo questo perch io sia un purista: che tutte le lingue (e i dialetti sono lingue) abbiano sempre preso in prestito parole ed espressioni da altre lingue, tutti lo sanno; per coi dialetti bisogna essere prudenti e domandarsi perch, attualmente, tanti introducono nel nostro dialetto parole che non gli appartengono. La risposta purtroppo facile: perch il dialetto sta morendo, ha perso la sua dignit e molti pensano che nel parlare e nello scrivere in dialetto ci si possa prendere ogni libert, tanto dialetto e il dialetto l a bella posta perch possiamo fare tutti gli strafalcioni che vogliamo. Io non sono d'accordo e penso piuttosto che si debbano conservare con cura le parole pi propriamente bolognesi e che, quando non sia possibile trovarne di adatte al nostro scopo, dobbiamo esprimere i nostri concetti innanzi tutto con espressioni nuove coniate a partire dal bolognese pi schietto; solo in seguito, se non possibile farne a meno, ad esempio se dobbiamo parlare di scienza o di grammatica, ambiti in cui al dialetto si sono sempre preferiti prima il latino, poi litaliano e le altre lingue moderne, possiamo creare termini nuovi o ricorrere ai prestiti.

Errori di questo tipo sono piuttosto numerosi gi nelle prime pagine de Al Prnzip Cinn. Ne sottolineo solo due: mastichr invece di biasr (masticare) e cs invece di qu (cose).

Questi sono errori perch le parole sono state prese in prestito dall'italiano e sostituite ai pi schietti termini bolognesi. Certo, vero che prestiti il bolognese ne ha sempre avuti, e ricordo quando mio nonno, nato nel 1889, parlava del puliṡmn (ingl. police man) e del tranvi (ingl. tramway); allora per tutti parlavano in dialetto, le parole, le espressioni e i prestiti erano decisi per cos dire da tutti e insieme al puliṡmn e al tranvi c'erano anche la mchina da fg, che funzionava col vapore, e la mchina da bter che serviva per trebbiare: insomma, il dialetto creava spontaneamente in vari modi un lessico adatto alle nuove esigenze comunicative. Ora gli studiosi e gli scrittori hanno la responsabilit di difendere il dialetto bolognese, di scegliere con cura le parole pi appropriate e schiettamente bolognesi e di curare anche la grammatica.

Anche gli errori di grammatica sono numerosi ne Al Prnzip Cinn.

Ne far vedere solo pochi, per prima bisogna dire che tutte le lingue hanno la loro grammatica, che il modo per legare i suoni e formare i morfemi, le parole intere e le frasi secondo regole che cambiano da lingua a lingua. Anche il bolognese ha la propria grammatica che differisce da quella dellitaliano e che deve essere rispettata. Non bisogna pensare che una (quella dellitaliano) sia corretta e laltra (quella del bolognese) scorretta: quando si usa litaliano si segue la grammatica dellitaliano, quando si parla o si scrive nel nostro dialetto si ricorre alla grammatica del bolognese. Il valore della grammatica relativo fra lingue diverse, ma una grammatica specifica il fondamento della lingua che usiamo e questo vale anche per i dialetti.

Ne Al Prnzip Cinn, ad esempio, si usa nna, che un numerale (it. una, una sola), al posto dellarticolo che anche in bolognese una; ma usato al posto di mo nel senso dellitaliano ma; si scrive i n la fan pi (non ce la fanno pi: cito queste parole secondo la grafia adottata nel libro) invece del corretto i n i la fan pi (la struttura della frase non stata intesa correttamente); si trova stmnter stva par magnr (riporto anche queste parole secondo la grafia del libro) invece di in (st)mnter chʼal stva par magnr (in questo caso si omesso il soggetto al e si fatta confusione con la congiunzione mentre dellitaliano la quale esclude il che, richiesto invece in bolognese).

Ne Al Prnzip Cinn capita poi spesso che i verbi della prima coniugazione in -r siano scritti allimperfetto con una e lunga e chiusa (: stva, tentva), come dicono in campagna quelli della provincia, non con una e lunga e aperta () come si dice invece in citt (stva, tintva). Non c nulla di male ad usare i dialetti della provincia, sono uno della provincia anchio e scrivere nel mio dialetto della bassa mi piace (am piṡ, non am piṡ come in citt) molto; per se si decide di scrivere nel dialetto cittadino, come mi pare si sia scelto di fare ne Al Prnzip Cinn, bisogna continuare con quello fino alla fine.

C poi la questione dellortografia, una parola che viene dal greco e indica lo scrivere correttamente; per il bolognese scrivere correttamente significa far capire al lettore la pronuncia del dialetto e le regole per collegare le parole nella frase.

Dunque non corretto scrivere, come abbiamo gi visto, i n la fan pi per tre ragioni: a) col diacritico circonflesso si usa per una i lunga che ricorre soltanto in posizione tonica, ma questo non il caso perch i nel nostro contesto equivale allitaliano ci ed un pronome atono; b) in pi si usato un accento sbagliato perch , con laccento grave, indica una vocale lunga e aperta; l invece ricorre una o breve e chiusa che indichiamo con laccento acuto (); c) la n la prima parte della negazione che in bolognese consta di due elementi, come in francese (la seconda parte della negazione in questo caso pi), e deve essere scritta separatamente perch si capisca che n e i sono due componenti diversi della frase: lortografia ci fornisce indicazioni anche sulla grammatica e la morfologia.

Questo il motivo per distinguere nella grafia chi (equivalente all'italiano chi) e chi (che e i). Qui il consiglio di studiare bene lortografia che Luigi Lepri (Gign Lvra) e Daniele Vitali hanno impiegato nel loro Dizionario Bolognese-Italiano Italiano-Bolognese: unortografia moderna, pensata per il nostro dialetto, per la sua fonologia e per la sua grammatica.

La dignit di una lingua dipende anche da unortografia accettata e riconosciuta da tutti.


Tgnn bn s lurtugraf dal dialtt

Ai ŏ sint dr che secŏnnd al presidnt d una zrte asuciaziŏn (a l ciamarn al presidnt X) al n bra al chṡ ad mttras di gran problme par la gramtiche dal dialtt e par la s urtugraf parch al dialtt al s pl druvr sŏul cum as snpar ft e acs al gve nc al Croce, al scritŏur nd ind al 1550 chal mrs ind al 1609.
M al presidnt X a vi arspŏnndri ind al m dialtt dla bse tnt par fri vddar chin dialtt as pl discttr nc d argumnt sri e bra sŏul ad siuczz cum i crddn in dimnndi; e qusste l lid pi brtte parch al lngv i mran qund as tche a pinsr chi vn bn sŏul pr i ignurnt e chai n dali tri con pi reputaziŏn, chi n pi adti a ccŏr-r ad cultre o di argumnt dla mudernit; al presidnt X l ar snpar da tgnr a mnt che qund una lngue la mr, e al bulgniṡ l dr a murr, i responsbil a sn n cha dezidn d an druvrle
pi.

Prmme ad ttt l un bl pz chi lingusste i n cap chai una ble difarnze stra un fonme, chal s prunnzie, e al lttar dl alfabt cha druvn par scrvar: al lttar dl alfabt i n di sgnn in vtte ala chrte par nutr la vŏuṡ ind la prtiche dla scritre e dla letre (chi sppan di lbar sri o dal barżltt an s interse brṡe pr ads), e, par frle crte, stra la fontiche dal lngv e la s graf ai un bl gvri. A fg un eṡnpi pr al presidnt X: al ml, qull chi fn ali v, al n brṡe al nmmar mll e ai chṡ che mll v i fgan dal ml, mo an i dbbi chai pse sar mi mll ml da una quic prt: la difarnze l al tnp chai vl par la pronnzie dal dŏu vochl, la quantit: ala e lnghe e sr i mitn in vtte al zircunfls (), ala e crte e sr l aznt act () (pr i particulr al presidnt X al pl guardr lintroduziŏn al Dizionri), parch la fonolog dal bulgniṡ l difarnte da qulle dlitaglin, chl untre lngue, e ai vl i s sggn. Ai nc chi scrtt ind un tar md: pr eṡnpi la Carolina Coronedi Berti ind al s vocabolri dal 1869-1874 la scrv mel par ml e mell par mll, snze druvr i aznt, e qusst al cpite parch la fontiche e la fonolog i n snpar qulli, mo i sistme par sgnr in vtte ala chrte i fonme d una lngue i pln sar dimnndi e canbir ind al tnp secŏnnd chai piṡ ala żnt e si n un md prtic par riprodṡar puld la fontiche e la fonolog dal lngv (ai ŏ dtt un md prtic parch par ttt i particulr dla fontiche i lingusste i drvn un alfabt spezil, che perŏ al n bra adt par la scritre prtiche ad ttt i d). Insŏmme, al graf i pln sar migliur e si piṡn ala żnt e ttt o scuṡi ttt i drvan i dvntan urtugraf; e qusst l qull ch capit pr al bulgniṡ con lurtugraf lesicogrfiche mudrne che, pr eṡnpi pr al vochl, la parmtt ad nutr con preciṡiŏn si n avrti, sr, lnghi o crti, e l una ble cumdit, spezialmnt pr i żvan qund i inprn al dialtt ch l par lŏur purtrp cme una lngue furastre.

Ttt qusst par dr almnc qutar qu.
1) Qu chi s precupan d avir unurtugraf dal nstar dialtt chla vghe da ft ind la trascriziŏn dla s fonolog, con cla destinaziŏn prtiche chai ŏ apnne dtt, i n n bra di mt mo i vlan sŏul tgnr s al dialtt.
2) Da qu as capss che studir la gramtiche dal dialtt e tirr fre un sistme ad sggn (lttar dl alfabt, puntn, baln ecc.) par lżar e par scrvar puld an vl bra dr chas tre al cl al dialtt cme cha l vlssan canbir da cum l re prmme e da cum i al ccurvn i nstar vc. L prpri alarvrse: a i vln dr la dignit d una lngue chla se scrv, nc par di argumnt sri.
3) E pŏ al tggne bn da mnt chal dialtt a n al canbin bra nutar con lurtugraf lesicogrfiche mudrne, al cnbie da par l, e chal dialtt dal Croce l re difarnt dimnndi da qull cha ccurn inc (mo qusst al sr un tar ccŏurs lng); e al scurt dla lingusstiche d inc al Croce al n i psve bra cgnssar.
4) A i tggn tnt alurtugraf parch, cum a i gve, lurtugraf l al prmm ps par fr d un dialtt una lngue ad cultre chla pse sar scrtte e lte e chlve l s dignit. Al dialtt, i dṡn in dimnndi, l snpar st druv par di argumnt ad ttt i d, brṡe par ccŏrrar ad filoṡof o ad sinze o par fr dla poeṡ; qusst al n bra vire dal ttt e al n bra vire par ttt i dialtt (Goldoni, pr eṡnpi, al scrivve nc in venezin Pirandello, ind al s dialtt dla Sizgglie e al Porta in qull ad Miln), mo ai nc da dr, e l un qul inpurtnt, che ttti al lngv, nc qulli pi ad cultre, i n tach acs, i rn al lngv ad cuntadn e ad cazadr, al latn, al grc, al tuscn, al tudssc, e pŏ i n st adat un pc ala vlte a ccŏrrar nc ad qul tar, ad strie, ad filoṡof, ad teolog, ad sinze; l bn par qusst chLucrzi, chl scrtt in latn un pome Dla natre (1, 136 ss.), al s lamnte chl difzzil dr in latn i fundamnt dla filoṡof e dla sinze chi ran st mss żŏ in grc, par v dla scarsit dal latn a dr dali id chi ran nvi e in latn incin al n in avve mi ccŏurs. Insŏmme, parch, gind chan s pl bra scrvar puld al dialtt e chl avn da ccŏrrar cum a l avn arzv dai vc (chi n perŏ snpar di msstar par n, qusst l da sar cr), vlggne srr la prte ala pusibilit pr al nstar dialtt ad dr nc dali astraziŏn, d sr nc la lngue dla modernit? Una pusiziŏn cme qulle dal presidnt X la vl dr che, ind la cundiziŏn acs difzzil pr al nstar dialtt cme qulle chai inc, as preferss d avir un mrt da tajr a pzuln par studir qull chai dntar piutst che ne curr al mal.


A v fg lżar qu la traduziŏn in bulgniṡ e in itaglin d un ccŏurs chai ŏ ft in latn ai 29 ad mrz ad st n qu in Vaticn. Cal d l ai re una confernze chas psve ccŏrrar ad qull chas vlve bste chal fss in latn e sicmm che m a scrv dal poeṡ in dialtt ai ŏ pins ad dr qul dal md ad druvr al bulgniṡ par fr dla poeṡ cum la m piṡ a m. A v vi dr spezialmnt che la prt in itaglin la n brṡe la traduziŏn ad qulle in bulgniṡ, mo ttti e dŏu i tradṡn al m intervnt in latn ind al md chl caratersstic dal dŏu lngv, parch ai la s difarnze, e che ind la prt in bulgniṡ ai ŏ żunt di chiarimnt in chi pc chṡ chai ŏ druv dal parl lti chi n s ctan brṡe ind la tradiziŏn dal nstar dialtt. A scrv ind al m dialtt ad San Gabaril ad Bariṡle.

Stven Ruvintt Brz

Presento qui la traduzione in bolognese e in italiano del mio intervento al congresso dei latinisti tenutosi in Vaticano il 29 marzo di questanno. Largomento era libero purch lintervento si tenesse in lingua latina e, dal momento che compongo poesie in bolognese, ho ritenuto opportuno parlare del bolognese come lingua della poesia, naturalmente in rapporto al mio ideale di poesia. Sottolineo che il testo italiano non la traduzione di quello in bolognese, ma che entrambi traducono il mio intervento in latino secondo le diverse modalit espressive delle due lingue, e che nel testo bolognese ho aggiunto alcuni chiarimenti nei pochi casi in cui ho usato parole colte che non appartengono alla tradizione del nostro dialetto.

Stefano Rovinetti Brazzi

Tst in dialtt                        Testo in italiano                    Textus Latinus

 

Un'intarvssta a Stven - Un'intervista a Stefano: I Marted di San Domenico, luglio 2016


Ala prmma pgina
V s